In base alle disposizioni sull’ingresso in Austria, in vigore dal 20 dicembre 2021 al 31 gennaio 2022, l’ingresso dall’Italia e dagli altri Stati considerati a basso rischio epidemiologico (Andorra, Arabia Saudita, Australia, Austria, Belgio, Bulgaria, Canada, Cipro, Corea del Sud, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Giordania, Grecia, Hong Kong, Irlanda, Islanda, Italia, Kuwait, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Macau, Malta, Principato di Monaco, Norvegia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo,  Qatar, Repubblica Ceca, Romania, Ruanda, San Marino, Singapore, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Taiwan, Ungheria, Uruguay, Vaticano, Vietnam) è consentito alle seguenti condizioni:

1) INGRESSO SENZA OBBLIGO DI QUARANTENA

E’ consentito l’ingresso senza obbligo di quarantena a tutte le persone che negli ultimi 10 giorni abbiano soggiornato esclusivamente nei Paesi di cui sopra (tra cui l’ITALIA) e che siano munite di:

  • certificazione “2G PLUS” (attestato di avvenuta vaccinazione oppure attestato di guarigione da un’infezione Covid-19 contratta negli ultimi 6 mesi NONCHE’test PCR negativo <72 ore)
  • certificazione attestante la somministrazione del richiamo (“terza dose”, c.d. “booster”)

2) INGRESSO CON OBBLIGO DI PRE-REGISTRAZIONE DEL VIAGGIO E QUARANTENA CHE PUO’ ESSERE TERMINATA A SEGUITO DI TEST MOLECOLARE NEGATIVO

Sono tenuti alla pre-registrazione del viaggio nonché a sottoporsi all’isolamento fiduciario (che può essere interrotto a seguito di testo molecolare negativo) tutte le persone che negli ultimi 10 giorni abbiano soggiornato esclusivamente nei Paesi di cui sopra (tra cui l’ITALIA) e che siano munite di:

  • certificazione 2G (attestato di avvenuta vaccinazione oppure attestato di guarigione da un’infezione Covid-19 contratta negli ultimi 6 mesi)

Pertanto tutte le persone vaccinate/guarite, ma prive di test molecolare negativo al momento dell’ingresso in Austria, sono tenute a pre-registrare il proprio viaggio in Austria (https://entry.ptc.gv.at/) e sottoporsi all’isolamento fiduciario che può essere interrotto a seguito di un test molecolare negativo.

3) INGRESSO CON OBBLIGO DI PRE-REGISTRAZIONE DEL VIAGGIO E QUARANTENA DI 10 GIORNI (CHE DOPO IL QUINTO GIORNO PUO’ ESSERE INTERROTTA CON UN TEST MOLECOLARE NEGATIVO)

A tutti i cittadini austriaci o persone residenti in Austria nonché cittadini UE/SEE e persone residenti o con dimora abituale in uno degli Stati dell’UE/SEE che sono sprovviste della certificazione 2G, ovvero che non siano né in possesso di un certificato di vaccinazione o guarigione valido, è consentito l’ingresso a condizione che effettuino la pre-registrazione online del viaggio (https://entry.ptc.gv.at/) e si sottopongano ad una quarantena di 10 giorni (che può essere interrotta dopo il quinto giorno successivo all’arrivo in Austria, se in possesso di un test molecolare negativo).

DEROGHE ALLE DISPOSIZIONI DI CUI SOPRA

A) INGRESSO IN AUSTRIA SENZA RESTRIZIONI

E’ consentito l’ingresso in Austria senza restrizioni:

  • ai bambini di età inferiore ai 12 anni, qualora accompagnati da un adulto in possesso del 2G-PLUS oppure del certificato di somministrazione della terza dose
  • ai cittadini austriaci o persone con assicurazione sanitaria austriaca obbligatoria che devono recarsi in Austria per urgenze mediche. La stessa esenzione si applica anche a persone provviste di un appuntamento per un trattamento medico urgente presso un ospedale o un’altra istituzione sanitaria austriaca.

Nel caso di ingresso per motivi medici è obbligatoria la presentazione di un certificato che attesti l’assoluta necessità medica (conforme al modello dell’Allegato F o Allegato G).

B) INGRESSO IN AUSTRIA CON SOLO TEST MOLECOLARE NEGATIVO <72 ORE, MA SENZA CERTIFICATO DI VACCINAZIONE O GUARIGIONE (2G)

Possono entrare in Austria senza obbligo della certificazione 2G (certificato valido di vaccinazione oppure guarigione), qualora provviste di test molecolare negativo effettuato nelle 72 ore antecedenti all’ingresso nel Paese:

  • Le donne incinte
  • Le persone che per motivi medici non possono sottoporsi alla vaccinazione
  • Le persone in possesso di Legitimationskarte

C) INGRESSO IN AUSTRIA CON SOLO OBBLIGO DEL CERTIFICATO VALIDO DI VACCINAZIONE O GUARIGIONE (2G), MA SENZA TEST MOLECOLARE OBBLIGATORIO

Possono entrare in Austria le seguenti categorie di persone, qualora munite di certificato valido di vaccinazione/guarigione:

  • Persone guarite da un’infezione da Covid-19 negli ultimi 90 giorni, qualora siano passati almeno 14 giorni dal test Covid positivo/inizio dei sintomi da Covid-19 e la persona sia priva di sintomi da almeno 48 giorni.
  • Le persone in questione devono presentare apposita certificazione medica.

D) INGRESSO IN AUSTRIA CON SOLO OBBLIGO DEL 3G (ANZICHE’ 2G+), ovvero certificato di vaccinazione/guarigione oppure test Covid-19 negativo:

Sono esentati dall’obbligo del 2G-PLUS i pendolari transfrontalieri regolari (pendolari per motivi di lavoro/studio/famiglia/visita al partner/coniuge). Essi possono entrare nel paese con il 3G (certificato valido di vaccinazione o guarigione oppure test PCR<72 ore oppure antigenico<24 ore).

ULTERIORI INFORMAZIONI UTILI:

TRANSITI: Il transito attraverso l’Austria senza soste intermedie e assicurando l’immediata ripartenza è consentito, anche in base alla nuova normativa.